sabato, novembre 16, 2013

Dual Boot Linux and Win 8. Uefi e GPT

Preambolo, embolo, Bombolo:
E' da lungo tempo che non intervengo sul blog ma, un po' come succede a tutti quelli che scribacchiano nel loro tempo libero,prima o poi arriva il momento in cui scrivere nuovi post diventa faticoso e allora ci si allontana sempre con quel misto di senso di colpa che ti fa dire: "cavolo sarà un anno che non scrivo un tubero, non va bene".

Beh, per adesso son qui poi vedremo.
 

Parliamo di Linux:
Scrivo questo post perché capisco che questa rognetta che mi son portato dietro per troppe ore di tentativi mi sa che ce l'hanno in tanti oltre al sottoscritto. Purtroppo forse un po' come me ci improvvisiamo esperti di Linux ma ci manca ancora di leggerci qualche 'tomo della trilogia'.
Insomma il problema era questo, mettere Linux di fianco a Windows 8 su un Acer Aspire E1-571G nuovo nuovento. 

Di solito procedo a vedere com'è la situazione partizioni sul disco per poi andare in un modo o nell'altro a riservare lo spazio per l'amato pinguino. Inizialmente mi allarmo perché vedo gia' 4 partizioni 'a bordo' e mi chiedo: "dove vado adesso a mettere la mia robba?".
Calma un attimo, ma questo è un sistema nuovo e starà usando il sistema GPT e non MBR per descrivere il disco fisso e quindi dovrei non avere limitazioni in questo senso. 
Il ragionamento era corretto: da Windows vado in gestione computer e da li sulla gestione del disco fisso e gli chiedo di ridurre la partizione di Windows quel tanto che mi basta per mettere Linux con tutti i suoi ammennicoli. Dopodiché tanto per sfizio provo a creare un'ulteriore partizione NTFS da windows e lui non fa nemmeno una piega, e siamo a 5, come in effetti sarebbe dovuto essere: perfetto posso anche buttarla (e va buttata, mi raccomando) 'sta partizione.
 
A questo punto, una volta fatto spazio, è ora di sistemare le impostazioni di UEFI: Ho premuto F2 subito all'inizio e ho disattivato il 'Fast Boot' e anche il 'Secure Boot'. Per disattivare quest'ultimo ho dovuto impostare una password all'avvio dello UEFI. Non sono Sicuro se andavano disattivati entrambe o solo il Secure Boot, ma così funziona e non avevo più voglia di modificare le cose.

Passiamo a Linux: premetto che questa operazione l'ho provata con Ubuntu 13.10 e Ubuntu Gnome 13.10 quindi a rigor di logica dovrebbe andare anche con tutto quel sottobosco di distribuzioni simili e derivate, ma ovviamente non posso garantire.
Bene, ho inserito la chiavetta USB con Ubuntu 64 bit (obbligatoriamente) e avviato il PC in Live, da li sono andato avanti con la normale installazione con la sola eccezione del 'momento partizioni'.
Alla scelta delle partizioni ho scelto di poter operare io sul disco (quindi nessuna funzione di quelle che fanno da sole) e mi sono mosso creando queste 3 partizioni:


  • 300MB formattata ext2 per    /boot
  • 30GB   formattata ex4  per    /
  • 1GB     formattata linux swap


e cosa MOLTO IMPORTANTE appena sotto ho detto di mettere il GRUB nella partizione che avevo indicato per /boot (nel mio caso /dev/sda5)


Fatto questo ho terminato l'installazione e riavviato.
Al riavvio il pc è partito direttamente in Linux senza permettermi di scegliere l'OS: diciamo che per quanto mi riguarda ero a cavallo, per veder partire Linux erano ore che ci dannavo.

La sistemazione finale del Grub l'ho ottenuta con la funzione 'Boot Repair' di Linux Secure Remix, ma direi che sia esagerato scaricare 800MB solo per quel mestiere e quindi anche se non l'ho provata io utilizzarei 'Boot Repair Disk' una piccola distro che è specializzata nel fare esattamente la stessa cosa con un'immagine decisamente più snella.

Lanciata la riparazione, seguite passo passo le istruzioni a video, riavviato il sistema et voilà: grub è a posto e Windows era nuovamente riavviabile (e anche Linuzzo ovviamente).

Fatemi sapere se questa soluzione vi è stata utile o avete trovato di meglio: grazie ;)

Nessun commento: